“Dal ciel venne messo novello”

25276521_1364536030340973_730167482_n

Annunci
Immagine | Pubblicato il di | Lascia un commento

Quanno nascette Ninno

24993161_1607559029336833_4475219591608917348_nVenerdì 15 dicembre 2017, alle ore 19,30, nel suggestivo scenario della Chiesa Medievale di S. Maria Maggiore, in Piazza S. Maria di Cerveteri (RM), si terrà il Concerto con musiche, canti e danze medievali intitolato “Quanno nascette ninno“, a cura dell’Associazione “Baronia di Cerveteri”.
L’intero ricavato della serata sarà devoluto a favore dei progetti di solidarietà (in Italia ed Uganda) dell’Associazione “VENTO SOLIDALE – ONLUS”.
Una serata “speciale” per un progetto “solidale”!
Per seguire l’evento su Facebook clicca qui !

Pubblicato in canto, concerti, danza, medievale, medioevo | Lascia un commento

Serenata: trovatori, menestrelli e wanderer

23561410_10215080565145478_4498356206746969005_nVenerdì 24 novembre 2017 alle 10,30 e alle 14,45 al Teatro Municipale di Piacenza si terrà l’iniziatva “Serenata: trovatori, menestrelli e wanderer”.
Con gioia inizio questa mia canzone, / ne sono colmi il cuore e la mente,/ poiché la gioia d’amore, che vince ogni altra/ mi ordina e mi chiede di cantare…”: questo l’omaggio del trovatore Albertet de Sisteron a Guglielmo Malaspina all’inizio del XIII secolo.
Nel corso del Duecento molti poeti erranti della Provenza vengono accolti a Bobbio e nel Castello di Oramala in Oltrepò Pavese. All’epoca le corti dei Malaspina erano un crocevia vivissimo, situate nel cuore del reticolo di strade che collegava la pianura padana e il mare, attraversato da mercanti e pellegrini. A Oramala passava la via anticamente percorsa dai pellegrini diretti a Bobbio, oggi ridenominata Via degli Abati e la strada che scendeva poi nel Mar Ligure. La generosità dei Malaspina, tra i quali Corrado l’Antico ricordato da Dante nel Canto VIII del Purgatorio, era splendida. Nella sua corte si vivevano i rituali dell’amor cortese con poeti, giullari, dame e cavalieri.
La prima parte dello spettacolo è dedicata ai testi – poetici e musicali – di questi straordinari poeti erranti tra i quali Raimbaut de Vaqueiras: a lui si deve tra l’altro una composizione chiamata Contrasto, vivissimo dialogo tra una superba Dama genovese e un povero Trovatore provenzale, che contiene le prime strofe di un volgare italiano della nostra letteratura. Ai componimenti dei Trovatori si accosteranno quelli dei clerici vagantes, i giovani studiosi che si muovevano in Europa alla ricerca dei maggiori maestri del tempo con l’esecuzione di brani scelti dai Carmina Burana.
Rivive nello spettacolo un Medioevo di luce e di gioia, con brani che celebrano la fine dell’inverno (Tempus transit gelidum), le feste e gli amori del mese di Maggio (Kalenda Maya), la danza e il buon vino (Wenn ich trinke guten Wein).
Il viaggio dei trovatori, definito un “pellegrinaggio laico”, è un viaggio simbolico e insieme reale. La poesia cortese si irradia rapidamente a partire dalla regione d’origine in tutta Europa, verso sud e verso nord, e i poeti erranti, portando con sé i loro strumenti musicali (il liuto di origine araba, l’arpa, la viella, il salterio, la ghironda ) sostano di corte in corte diffondendo la nuova poesia e la nuova concezione dell’amore. Attraverso la poesia dei trovatori nasce la letteratura europea, allo stesso modo in cui la cultura europea viene plasmata dalle vie di pellegrinaggio, come il Cammino di Santiago e le Vie Francigene, sui cui stessi sentieri passavano i trovatori.
Dopo l’epoca medievale la figura del musicista errante subisce trasformazioni e metamorfosi ma si conserva e ricompare periodicamente. La seconda parte dello spettacolo farà rivivere alcune delle successive incarnazioni di questo mito poetico – musicale con la proposta di brani da Schubert, Verdi per arrivare sino al moderno menestrello Bob Dylan, premiato con il Nobel.
Per seguire l’evento su Facebook clicca qui !

Pubblicato in concerti, medievale, medioevo, musica, trovatori | Lascia un commento

Canto Ambrosiano, organo e rito antico

scroll-stock20Per cominciare adeguatamente l’Avvento, periodo di preparazione al Natale, nella Chiesa di Santa Marta a Lecco la tradizionale messa in latino e rito ambrosiano antico sarà celebrata domenica 12 novembre 2017 alle ore 17.30 con organo e canto ambrosiano.
Presiederà l’eucarestia don Alessandro Vismara, parroco di Buccinigo di Erba.
La solennità del rito è sottolineata dai canti ambrosiani che si snodano sui testi liturgici. Si ricorda ad esempio l’antifona d’ingresso “Ad te levavi”, il grandioso offertorio “Pronunciabo veritatem tuam” e il canto di comunione “Sicut fulgur”: il magnifico testo di quest’ultimo canto, che paragona l’avvento di Cristo a un lampo sfolgorante da Oriente fino all’Occidente e preannuncia la seconda venuta di Cristo, quando, alla fine dei secoli, verrà a giudicare i vivi e i morti, è rivestito di una melodia antichissima, risalente probabilmente agli antichi repertori italici pre-gregoriani.
Le esecuzioni musicali sono affidate all’ensemble Antiqua Laus diretto da Alessandro Riganti, uno dei migliori gruppi vocali specializzati nel repertorio ambrosiano. Fondato nel 2008, ha cantato in moltissimi concerti e liturgie, ha all’attivo vari CD e ha promosso lo studio e la pubblicazione di manoscritti che tramandano il canto ambrosiano nelle varie epoche storiche.
La liturgia sarà inoltre accompagnata dall’organo suonato da Stefano Piva, che proporrà all’ingresso il “Grand Choeur” di Guy Weitz, all’elevazione un brano di Luigi Molfino e al termine la “Marche-sortie” di Theodore Dubois.
La celebrazione sottolinea l’importanza di ricuperare il prezioso patrimonio della tradizione liturgica e musicale milanese, invitando le persone ad accostarsi a una forma celebrativa che privilegia la dimensione contemplativa, il silenzio e la meditazione.
La messa è celebrata in latino; le letture e il Vangelo sono lette in italiano.
Per seguire l’evento su Facebook clicca qui !

Pubblicato in ambrosiano, canto, medievale | Lascia un commento

Venetia Mundi Splendor

Invito concerto Chiesetta del Doge

Immagine | Pubblicato il di | Lascia un commento

Viaggio musicale sulle orme di Marco Polo

23231095_1962164227335322_6258109243583207319_nIL MILIONE, IL LIBRO DELLE MERAVIGLIE
Viaggio musicale sulle orme di Marco Polo.
David Riondino e La Reverdie raccontano frammenti da Il Milione, straordinaria opera sul mondo meraviglioso ed esotico dell’Asia medievale, che ha ispirato molti uomini illustri, da Cristoforo Colombo a Italo Calvino. In questo concerto, accanto ai tradizionali strumenti musicali del Medioevo, troviamo anche il kamancheh e il tabla, che introdurranno nel racconto sonorità persiane e indiane per rievocare le suggestioni provate da Marco Polo lungo la via della Seta.
ENSEMBLE LA REVERDIE
Claudia Caffagni voce, liuto, campane
Livia Caffagni voce, viella, flauti
Elisabetta de Mircovich voce, viella, ribeca, symphonia
Matteo Zenatti voce, arpa, percussioni
Rana Shieh kamancheh, voce
Elena Baldassarri tabla, tarang, campane tibetane
David Riondino voce narrante
L’assidua ricerca e l’esperienza accumulata in quasi trent’anni di attività, hanno fatto de La Reverdie una formazione unica per l’interpretazione della musica medievale. Il gruppo svolge un’intensa attività concertistica in Italia e all’estero, ha prodotto molte incisioni discografiche e ha ottenuto numerosi premi. Varie sono le sue collaborazioni con noti esponenti della musica e del teatro: Franco Battiato, Moni Ovadia, Carlos Nuñez, Gerard Depardieu, Mimmo Cuticchio e David Riondino.
Per questo progetto, La Reverdie si avvale di Elena Baldassarri, specialista di musica indiana laureata alla Benares Hindu University (India), e Rana Shieh, musicista iraniana che ha studiato il repertorio tradizionale persiano con i maestri più autorevoli di Teheran.
L’attore e scrittore David Riondino ha lavorato con Paolo Rossi, Giuseppe Bertolucci, Sabina Guzzanti, Sandro Lombardi, Enrico Rava, Stefano Bollani, e attualmente è in scena con Dario Vergassola. In ambito cinematografico ha recitato per Marco Tullio Giordana e Gabriele Salvatores. Ha scritto versi satirici per Tango, Il Male, Cuore e Comix. Tra il suoi libri ricordiamo Rombi e Milonghe (Feltrinelli, 1993) e Il trombettiere (Magazzini Salani, 2012) illustrato da Milo Manara.
INFO: www.ame.ct.it
.
Per seguire l’evento su Facebook clicca qui !

Pubblicato in concerti, medievale, medioevo, musica, spettacolo | Lascia un commento

Vita Sancti Martini

VITA-SANCTI-MARTINI-Locandina

Immagine | Pubblicato il di | Lascia un commento