“Resonet intonet” Canti gregoriani per il tempo di Natale

Il Programma che verrà eseguito dalla Schola Gregoriana di Venezia diretta da Lanfranco Menga, propone una interessante scelta di brani tratti dal repertorio liturgico-musicale dell’Avvento e del Tempo di Natale tratto da fonti di area veneta, quindi caratterizzato dalla presenza di composizioni, in particolare Tropi e Sequenze, tipiche di un’area geografica che vedeva in Venezia, Padova e Aquileia alcuni tra i centri più attivi nella produzione e nella conservazione delle tradizioni musicali locali.

La liturgia della Basilica di San Marco a Venezia presenta vari motivi di interesse, sia per le vicende storiche che portarono la sede del Patriarcato da Aquileia a Venezia, sia per alcuni aspetti propri del repertorio musicale: un documento particolarmente significativo è in tal senso il Graduale di San Marco, risalente alla prima metà del XIII secolo ed attualmente conservato alla Staatsbibliothek di Berlino; in esso colpisce la ricca presenza di Tropi, cioè di aggiunte testuali e musicali ai brani preesistenti, in un’epoca in cui questo genere poetico-musicale, sviluppatosi a partire dall’età carolingia, si avviava lentamente a scomparire dalla Liturgia; inoltre questi Tropi presentano spesso delle caratteristiche di tipicità, essendo strettamente legati alle tradizioni locali, oppure indicano una influenza esterna, come nel caso del “confractorium” che introduce l’Agnus Dei, tipico del repertorio ambrosiano-milanese.

Analogo discorso si può fare per il repertorio della cattedrale di Padova, ricco di spunti drammaturgici come nella farcitura all’Epistola dell’Epifania Resonet intonet, o di originali elementi locali, come i Responsori prolissi del Mattutino per le Domeniche di Avvento.

Un caso a parte rappresenta Aquileia che con la sua gloriosa tradizione liturgico-musicale, gelosamente custodita nei secoli, ci ha trasmesso alcuni esempi che testimoniano la bellezza e la ricchezza di un repertorio particolarmente originale e caratteristico, come il Responsorio “cum prosa” O Maria clausa porta.

Dai raffronti con repertori coevi si possono notare analogie e contatti tra queste tradizioni di area veneta e altri ceppi liturgici, come il sangallese, il bolognese, il milanese, a testimonianza di una loro costante vitalità sviluppatasi per tutto il Medioevo; inoltre il carattere tendenzialmente conservatore di questi repertori locali permette di collegare alcuni importanti tasselli per la ricostruzione del complesso mosaico della monodia medievale.

In programma a Bassano del Grappa (VI), Chiesa di S. Francesco, mercoledì 23 dicembre 2009 con inizio alle ore 20,30.

Advertisements

Informazioni su italiamedievale

Presidente Italia Medievale
Questa voce è stata pubblicata in artisti, concerti. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...