“Musica nova. L’antico che Vive”

Giovedì 9 giugno 2011 alle ore 18,00 l’Accademia d’Arti Antiche Resonars presenta, presso il Museo Monumentale della Chiesa di San Pietro in Assisi, il saggio di fine corso 2010/2011. “Musica nova. L’antico che Vive.” è il tema scelto dal Direttivo artistico dell’accademia per mettere in risalto il rapporto dei giovani allievi con la musica antica, in particolare l’interesse e l’entusiasmo dimostrato durante il corso di studi: L’Antico che attraverso la loro interpretazione, rivive e diventa Moderno.
Come consuetudine, gli allievi dell’accademia non si esibiranno nella forma tradizionale ma daranno saggio del lavoro svolto con gli insegnanti, suonando musiche medievali e del primo Rinascimento, tratte da alcuni dei  manoscritti più significativi dell’epoca: Llibre Vermell de Montserrat (manoscritto conservato presso il monastero di Montserrat, vicino Barcellona: musica liturgica e paraliturgica che accompagnava tradizionalmente l’arrivo al sagrato del monastero da parte dei pellegrini); Codex Las Huelgas (manoscritto scoperto da due monaci benedettini nel 1904, conservato nel convento cistercense di Santa Maria la Real de Las Huelgas a Burgos, Spagna: contiene 45 brani monodici e 141 polifonici; Le Cantigas de Santa Maria, una raccolta di circa quattrocento brani paraliturgici in idioma galiziano-portoghese: uno tra i più preziosi monumenti della musica e della poesia del XIII secolo. Il codice venne richiesto e collezionato da Alfonso X el Sabio, Re di Castiglia e Leon, uno dei maggiori esponenti della cultura spagnola del Medioevo. Il Codice Rossi (collezione di manoscritti musicali, la maggior parte dei quali si trova conservata presso la Biblioteca Vaticana: le opere in esso raccolte, uno dei documenti principali per quanto attiene  l’inizio della storia della musica polifonica italiana del Trecento e in particolar modo dell’Ars Nova); Codice di Montecassino (raccolta di canzoni profane e liturgiche italiane e francofone del secondo Quattrocento).
Le classi di liuto, ghironda, cornamusa, flauto, ottoni, salterio e percussioni si alterneranno in diverse formazioni, facendo riecheggiare i suoni di questi strumenti all’interno del complesso museale dei sotterranei di San Pietro in Assisi, accompagnati da brevi brani recitati estrapolati dai brani musicali eseguiti. 
Nella medesima occasione saranno aperte le iscrizioni al tesseramento Soci dell’Accademia e le pre-iscrizioni ai corsi per l’anno accademico 2011/2012.
Per informazioni e contatti: sito web: www.resonars.it e-mail: segreteria@resonars.it, tel. 338.3383156. 

Informazioni su italiamedievale

Presidente Italia Medievale
Questa voce è stata pubblicata in concerti, iniziative, medievale, medioevo, musica. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...