Con Leonardo a pranzo dal Duca di Milano

Martedì 23 giugno 2015 – ore 15:00
Castello Sforzesco – Sala della Balla
Evento musicale con rinfresco
Ingresso libero con il biglietto del museo, fino ad esaurimento dei posti disponibili
Con Leonardo, a pranzo dal Duca di Milano
Musica e polifonie con gli strumenti di Leonardo (ricostruiti da Michele Sangineto ed eseguiti dall’Ensemble Adelchis), lettura di un poema del 1495 (trascritto da Pietro Sergio Mauri e letto da Ariberto Radicati di Primeglio), degustazione di cibi preparati con autentiche ricette del ‘500 (a cura di Giovanna Motta).
Introduzione storica di Francesca Tasso.
Un evento raffinato e originale, presso la Sala della Balla del Castello, affianca per un giorno la grande mostra – uno dei punti di forza dell’Expo – che Milano dedica a Leonardo da Vinci e all’Arte dai Visconti agli Sforza al Palazzo Reale. Si tratta di un viaggio a ritroso, per ascoltare musica, testi e gustare cibi coevi, quasi fossimo ospiti di Ludovico il Moro e della sua corte al Castello Sforzesco tra il 1482 ed il 1499, quando cioè Leonardo vi risiedette e lavorò.
La straordinarietà di questo evento sta nell’occasione di ascoltare canzoni d’amore, danze, e polifonie d’epoca eseguite su strumenti musicali che Leonardo ideò, disegnò e forse non realizzò, ma che il maestro Michele Sangineto di Villasanta ha per l’occasione ricostruito seguendo fedelmente le indicazioni originali e i disegni abbozzati.
I tre strumenti sono la viola organista, la piva a vento continuo e l’organo di carta che saranno affidati alla perizia esecutiva dell’Ensemble Adelchis. Strani congegni che la mente inquieta e di irrefrenabile curiosità di Leonardo aveva progettato per sperimentare suoni e intuizioni musicali. E che in quest’occasione l’Adelchis suonerà accompagnando le voci ed unendosi ad altri strumenti in modo piacevole e divertente su composizioni profane italiane e fiamminghe tra Quattro e Cinquecento.
A guidarci nel percorso storico-artistico che ci conduce a fine Quattrocento sarà Francesca Tasso, responsabile delle Civiche Raccolte Artistiche del Castello che illustrerà anche il magnifico Calice di Ludovico Sforza detto il Moro, opera in vetro cristallino delle manifatture muranesi a fine Quattrocento, e qualcuno degli arazzi Trivulzio che decorano la sala della Balla, opera di un arazziere lombardo nel primo decennio del Cinquecento, su disegno del pittore Bramantino.
Il viaggio alla corte di Lodovico il Moro proseguirà con un’altra chicca: l’ascolto di alcune pagine del poema Paulo e Daria amanti scritto da Gasparo Ambrogio Visconti (1461- 1499), una delle più belle opere della letteratura rinascimentale, del quale la Biblioteca Trivulziana del Castello custodisce la preziosa prima edizione a stampa.
Lettura scenica a cura di Ariberto Radicati di Primeglio. Trascrizione e rielaborazione drammaturgica Pietro Sergio Mauri. Madrina della riscoperta del poema è Domitilla Gerli Gallarati Scotti.
Dopo tanta musica e poesia, sarà offerto ai presenti un aperitivo con vini speziati e assaggi di cibo preparati secondo ricette del tardo ‘400. Giovanna Motta, paleografa e musicologa, ha applicato la sua conoscenza delle antiche calligrafie e delle lingue morte anche a manoscritti di Cucina. Molti testi sono stati da lei ricostruiti e sperimentati ai fornelli con esiti gustosi anche per i palati d’oggi, come ci sarà modo di verificare.
Per maggiori informazioni clicca qui !

Informazioni su italiamedievale

Presidente Italia Medievale
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...